Skip to main content

Assegnato il premio che omaggia la tradizione locale. Donato «Evento di interesse regionale»

Il miglior cappelletto d’oro è quello della perugina Vera Barbanera. Si è conclusa la terza edizione del Cappelletto d’oro, il premio per cuochi amatoriali che premia la cultura enogastronomica umbra e le sue tradizioni. Sul podio con lei al secondo posto Camilla Macellari, sempre di Perugia, Gabriella Genuini da Terni. E’ stato anche assegnato un premio speciale alle tradizioni di famiglia alla ternana Anna Maria di Palma. La scelta finale è avvenuta dopo due selezioni, una a Terni e una a Perugia, la semifinale all’Università dei Sapori e, infine, la premiazione di domenica sera al teatro della Sapienza, nel centro storico perugino.

«Un’edizione dall’ ampio coinvolgimento di tutta la comunità umbra –  ha detto Antonio donato fondatore del premio Cappelletto d’Oro – , con i due capoluoghi di provincia , Perugia e Terni, protagonisti di una sfida che unisce nelle tradizioni culinarie del territorio. Cappelletto d’oro, è diventato ormai un evento di interesse regionale».

Cappelletto d'Oro 2023 - i vincitori e i relatori della premiazione

A selezionare il cappelletto migliore durante la finalissima la giuria composta da

Salvatore De Iaco (Slow Food Perugia), gli chef Catia Ciofo e Michele Piselli  Laura Ferroni (vincitrice dell’edizione 2022),  Cinzia Borgonovo (Slow Food Perugia) e Silvana Moretti (vincitrice dell’edizione 2021).

«Per Perugia è un onore ospitare una manifestazione originale come il Cappelletto d’oro – ha detto l’assessore al Commercio del Comune di Perugia Clara Pastorelli – , che esalta un’eccellenza del territorio e dimostra di crescere ogni anno di più. La nostra amministrazione continua a patrocinare con grande convinzione questo evento perché ha anche il pregio di arricchire il calendario del periodo natalizio. Questa iniziativa valorizza una tradizione gastronomica che può essere veicolo di promozione turistica e che merita di essere tramandata alle nuove generazioni. A tal fine sono auspicabili collaborazioni con il Post e con le scuole».

L’evento è stato patrocinato dalla Regione Umbria, dal Comune di Perugia, sponsor Grafox, Lievitum Mater Assisi, Villa Armoniosa Residenza per Anziani, Casa della Sfoglia ed è in partnership con l’Università dei Sapori, Slow Food Perugia, Intermna Magna Slow Food Terni, We Network, Antonello Orlandi Ristorazione, Rendez Vous, Giò Jazz Wine.

Cappelletti prima di essere cotti - Cappelletto d'Oro 2023